I consigli di Piera: Prepariamoci all'autunno!

Buongiorno a tutti! Vi sono mancata? Eh, qui da Herby ci sono un sacco di novità.. e non potevamo mica trascurare i nostri e le nostre Clienti, no? Ed eccoci alla fine dell'estate... ormai la calda estate è solo un ricordo e la natura si prepara ad accogliere il freddo invernale, così gli alberi si spogliano delle rigogliose fronde per poter affrontare le temperature più rigide senza rischi di congelamento, il ritmo vitale rallenta, una sorta di “riposo” dalle innumerevoli attività metaboliche della primavera e dell’estate…Come ci prepariamo? Come sempre, mantenendoci in gran forma, perchè volersi bene parte prima di tutto dal nostro atteggiamento verso la vita, quindi.. positivi e tonici! Io cerco di aiutarvi con tutto quello che possiamo fare da Herby: cure, alimentazione, benessere del corpo. Ah, non penserete mica che manchino le novità nel nostro assortimento? Certo che no.. la scienza e la ricerca corrono anche nel nostro settore, e - se da un lato siamo molto attenti alla "tradizione" e agli insegnamenti, dall'altro siamo con le orecchie bene aperte ad ascoltare cosa ci propongono i nostri fornitori e ricercatori. E poi, in queste pagine, tante tante novità, Voi veniteci a trovare, però! Herby, Claudio, Io e le nostre meravigliose ragazze vi aspettiamo, a Spinea e Venezia, con tanti consigli utili!  

Piera Bartolozzi, contitolare Erboristerie Herby(TM)

Rinforziamo le difese...

I periodi dell'anno più a rischio per contrarre raffreddori o la tanto temuta influenza sono senza dubbio l'autunno e l'inizio dell'inverno, quando la temperatura inizia ad abbassarsi, spesso con sbalzi notevoli, e cominciano i cosiddetti malanni stagionali. Cosa possiamo fare per difenderci? Sono diverse le sostanze naturali, come gli antiossidanti, i fermenti lattici probiotici, la propoli, e alcuni fitoderivati con proprietà immunostimolanti, che possono rafforzarlo. Possiamo rifornirci di sostanze antiossidanti con il cibo, inserendo nella nostra alimentazione quotidiana abbondante frutta e verdura di tutti i colori che la natura ci mette a disposizione. Se però la nostra alimentazione non fosse abbastanza ricca di frutta e verdura, e non riuscissimo ad approvvigionarci degli indispensabili antiossidanti con gli alimenti, oggi vi sono ottimi integratori. Anche la propoli è ricchissima di antiossidanti, e inoltre possiede un'azione antibatterica e antivirale ormai dimostrata. Il suo utilizzo è quindi auspicabile come difesa contro virus e batteri, in caso di raffreddore, influenza, mal di gola. Le moderne ricerche stanno mettendo l'accento anche sull'importanza dei probiotici come difesa per l'organismo umano: i fermenti lattici probiotici infatti hanno la capacità di contrastare la crescita di microrganismi nocivi, di legarsi agli agenti patogeni disattivandoli e impedendone l'adesione e l'insediamento nell'organismo, di stimolare la formazione di anticorpi che aumentano la risposta immunitaria. Le principali piante officinali che contengono principi attivi naturali dalle proprietà immunostimolanti sono l'Echinacea, l'Uncaria, l'Acerola e la Rosa canina.  

L'echinacea

L'uso di Echinacea a scopo medicinale risale a tempi remoti: i Nativi Americani ne utilizzavano i rizomi per curare varie affezioni della pelle come piaghe, ferite e morsi di serpenti. La moderna farmacopea ha confermato le conoscenze popolari sulle proprietà antinfiammatorie per uso locale, ma ne ha riscontrato anche la grande azione di stimolo sul sistema immunitario, che ne fa un presidio utile in caso di raffreddore e influenza. Le tre specie di Echinacea contengono diversi principi attivi, i più significativi dei quali sono polisaccaridi, apigenina, echinaceina, echinacoside, acido cicorico, ognuno con le sue peculiarità e la sua azione specifica: la somma di queste azioni fa sì che possano essere utilizzate per l'azione antibiotica, antinfiammatoria, antivirale, e soprattutto immunostimolante. L'attività immunostimolante si manifesta mediante un aumento di particolari leucociti (globuli bianchi), le cellule del sangue che nell'organismo umano costituiscono una barriera, poiché sono adibite a fagocitare, cioè inglobare per distruggerli, gli agenti estranei dannosi come virus, batteri, funghi, dai quali perciò contribuiscono a difenderci.
L'Echinacea quindi può essere un valido coadiuvante per rafforzare le difese dell'organismo contro le infezioni recidivanti che interessano le vie respiratorie superiori, ma può essere utile anche per contrastare le infezioni alle basse vie urinarie. 

Uncaria tomentosa

I principi attivi dell'Uncaria tomentosa  risiedono nella corteccia delle radici e della parte inferiore del fusto; la corteccia ha un colore che può variare dal bianco al giallo scuro, fino al rosso scuro; si ritiene che la varietà dalla corteccia color giallo scuro sia quella più ricca di principi attivi, potendo la concentrazione variare anche in relazione alla stagione. Proprio a causa di questa variabilità, sono da preferire i composti standardizzati, per avere la certezza della giusta concentrazione di principi attivi. L'Uncaria è ancor oggi utilizzata nella medicina tradizionale peruviana: i "curanderos" infatti usano questa pianta per curare le ferite profonde, le ulcerazioni, le patologie degenerative legate all'apparato osteoarticolare, i processi infiammatori di varia natura. Prove farmacologiche hanno confermato e messo in evidenza che l'Uncaria possiede realmente proprietà immunostimolanti, antivirali, antiossidanti, antinfiammatorie, cicatrizzanti. L'Uncaria è indicata per le patologie infettive e infiammatorie croniche, quali manifestazioni infettive recidivanti a carico dell'apparato respiratorio, come raffreddore, influenza, faringiti, tonsilliti, specie se di natura virale.  L'Uncaria è anche un discreto coadiuvante nell'artrite reumatoide e altre malattie reumatiche e articolari. 

Rosa Canina

L’assunzione dei rimedi naturali a base di bacche di rosa canina è consigliata in autunno per prevenire i tipici malanni invernali e in inverno a scopo curativo. È interessante sapere che le bacche di rosa canina vengono utilizzate sia come rimedio naturale che in cucina, ad esempio per la preparazione di tisane e di marmellate o liquori. Le bacche di rosa canina sono una fonte di vitamina C, che aiuta a rafforzare il nostro sistema immunitario e a migliorarne il funzionamento ma che è anche benefica per la pelle. Per beneficiare del contenuto di vitamina C di questo alimento, è bene optare per le bacche di rosa canina fresche. Per uso erboristico e per preparare le tisane di solito le bacche di rosa canina vengono essiccate e sminuzzate. Le bacche di rosa canina contengono anche vitamine del gruppo B, con particolare riferimento alla vitamina B2 e alla vitamina B1, oltre a vitamina K e vitamina P. Le loro applicazioni riguardano soprattutto il trattamento dei dolori articolari e la prevenzione di tosse e raffreddore. Le bacche di rosa canina presentano anche proprietà antinfiammatorie che le rendono utili per mantenere in equilibrio e in salute il nostro organismo.

Concludendo ...

Quindi: prepariamoci! Iniziamo a dare sostegno al nostro corpo per evitare di esporci ai malanni di stagioni e iniziamo la prevenzione con una sana alimentazione, un consumo corretto di frutta e verdura, attività fisica, un buon riposo notturno e - soprattutto - vi consigliamo di imparare a fare... senza strafare. E poi, via libera alle tisane autunnali. Sì a tarassaco e bardana se volete depurare il fegato. Ottima anche una preparazione a base di cannella, cardamomo e pepe nero. Le spezie di questo tipo riscaldano e aiutano il processo di eliminazione dei liquidi e vivificazione del fuoco digestivo. Semplici passeggiate e alcuni sport leggeri daranno al corpo la possibilità di eliminare con maggiore facilità le sostanze tossiche. E poi, permettetemi di aiutarvi, scoprendo le virtù depurative delle erbe, i prodotti naturali di biocosmesi per sentirvi belle e.. belli (si, anche per i maschietti.. io li testo su Claudio!). C'è un mondo di benessere che vi aspetta, ovviamente... da Herby!

Piera Bartolozzi e Claudio Mirci